Food Stories

Ferdy Wild, il latte della tradizione

Di Vittoria Vigoni

17/12/2020

Cosa si nasconde dietro una forma di formaggio dell’Agriturismo Ferdy? Anni di storia, tradizione, dedizione e sacrifici.

Su una costa del fiume Brembo, raggiungibile solo tramite un ponticello e un cancello antico. E chiuso quel cancello si dimentica tutto quello che c’è fuori e si vive una favola, la favola della tradizione della Val Brembana. Avete indovinato? Stiamo parlando dell’Agriturismo Ferdy. E i nostri Chef in Camicia non potevano di certo non andare a scoprire i segreti dei loro formaggi!

 

La storia dell’Agriturismo Ferdy  

Anno 1989, Ferdinando Quarteroni (il Ferdy) e sua moglie Cinzia Balestra, 12 cavalli. Nasce così l’Agriturismo Ferdy. Per poi ingrandirsi sempre più, anche grazie ai figli Alice e Nicolò, fino a diventare un punto di riferimento della tradizione culinaria della Val Brembana.

 

 

La Bruna Alpina e la Capra Orobica di Ferdy

Qualche anno dopo l’apertura, da Ferdy arrivano gli animali autoctoni: la Bruna Alpina e la Capra Orobica. Due pietre miliari dell’azienda, perché sono in grado di vivere molti mesi in alta montagna, cibandosi solo di pascolo, e di regalare un latte dalle altissime proprietà organolettiche e salutistiche.

 

Il benessere degli animali da Ferdy

Per avere materie prime salubri è fondamentale concentrarsi sul benessere animale. E da Ferdy lo sanno bene perché “ogni animale è un’animale di famiglia”. Ma soprattutto seguono un’alimentazione sana, non forzata, a base di pascolo e fieno.

 

 

I formaggi di alpeggio Ferdy

Se i formaggi di alpeggio sono “pura poesia montana” un motivo c’è: Ferdy vive per 4/5 mesi all’anno in baita tra 1.500 e 2.000 metri in Val d’Inferno, senza corrente. A fargli compagnia, le sue Brune Alpine che d’estate vivono al pascolo qui, in una delle valli più verticali.

 

Formaggi ricchi di Omega 3

A differenza di quanto si possa pensare, i formaggi di alpeggio sono ricchi di Omega 3, CLA (acido linoleico coniugato, un grasso insaturo) e non contengono colesterolo cattivo.

 

La “Mut e Pepe” di Ferdy

La ricetta che ha preparato per noi Chef Marco di Ferdy non poteva che essere con il loro cavallo di battaglia: il Formai de Mut DOP 2019, dal sapore deciso ed elegante. Una cacio e pepe rivisitata con il loro formaggio d’alpeggio per eccellenza, burro di montagna, pepe e zest di lime. Una bontà persino a prova di puristi tonnarelli cacio e pepe.