Ingredienti

Guacamole, come prepararla e conservarla

Di Camilla Rocca

16/09/2021

Sul fatto che la guacamole sia una delle salse più apprezzate in tutto il mondo, ci sono pochi dubbi. Ma come si prepara e come si conserva? Ecco tutti i trucchi!

La guacamole è una salsa di origine messicana a base di avocado, così antica che si deve la sua creazione agli Aztechi. Oltre all’avocado, l’elemento principale della ricetta, gli altri ingredienti sono succo di limone o di limetta (come vuole la ricetta tradizionale), sale e peperoncino verde Serrano del Sol. Generalmente si usa in abbinamento alle tortillas, ovvero cialde croccanti di mais. Una versione rivisitata, molto simile alle nostre patatine, la troviamo facilmente al supermercato a forma triangolare.

 

guacamole chef in camicia

 

Come si prepara la guacamole

Per prima cosa bisogna schiacciare la polpa di avocado con una forchetta a cui si aggiunge il limone o la limetta. Non ve lo dimenticate, perché il suo succo acido, oltre a insaporire la salsa, serve a evitare che il guacamole cambi colore e si ossidi. Aggiungete quindi tutti gli altri elementi sminuzzati e usate un minipimer per realizzare la salsa. Tradizionalmente invece si usava il “molcajete” ovvero mortaio e pestello, tipico della tradizione messicana.

 

Varianti della guacamole

Alcune varianti della salsa guacamole vedono l’utilizzo del tomatillo (o tomate fresadilla), pomodori, coriandolo, cipolla, aglio, pepe nero e altre spezie. Molte ricette italiane in rete, per un errore di traduzione, indicano tra gli ingredienti i pomodori, mentre quella originale prevede solamente il “tomate” ovvero il peperoncino. Importante: non usate mai panna acida o maionese che si trova in qualche ricetta degli States o tex-mex perché, oltre ad aggiungere grassi inutili (se ne trovano a sufficienza e “buoni” nell’avocado), si rischia di attenuare troppo il gusto della salsa. Piuttosto il nostro suggerimento è quello di aggiungere meno peperoncino

 

guacamole chef in camicia

 

Come conservare la guacamole

La salsa guacamole va servita rigorosamente fredda da frigo. La salsa non si conserva a lungo e come vi dicevamo, una volta preparata, tende ad annerirsi: l’ossidazione si riflette anche sul sapore del guacamole che diventa amaro e piuttosto sgradevole. Per questo il nostro consiglio è quello di aggiungere del succo di limone dopo ogni utilizzo, stando bene attenti a calibrare anche gli altri sapori, ma anche di consumarla nell’arco di due giorni dalla preparazione. È così semplice da preparare che conviene riprodurla di volta in volta.