Pizza al taglio: origini e abbinamenti

Di Vittoria Vigoni

25/07/2022

La pizza al taglio, chiamata anche pizza romana data la sua origine, è deliziosa a ogni ora e con ogni condimento.

La pizza al taglio è la regina dello street food perché, grazie alla sua croccantezza, si può mangiare senza posate. Ma ci credereste che è nata soltanto pochi anni fa? E che potete cucinarla in casa?

Origini della pizza al taglio

La pizza al taglio nasce a Roma alla fine degli anni 70 grazie all’idea di alcuni pizzaioli di modificare la forma del classico impasto del pane per realizzare la pizza dalla forma rettangolare. L’impasto, però, risultava molto pesante e poco digeribile a causa della scarsa lievitazione e di un alto contenuto di grassi all’interno dell’impasto.

 

Pizza al taglio Roma

Nel 1987 il giovane pizzaiolo Angelo Iezzi sperimentò un nuovo impasto a lunga lievitazione, molto idratato e con l’aggiunta dell’olio d’oliva. In poco tempo molti altri pizzaioli della capitale si specializzarono nella pizza formato teglia conosciuta anche come pizza alla romana o pizza al taglio. La cottura al forno elettrico ad alta temperatura le dona la sua caratteristica principale: la croccantezza.

Abbinamenti pizza al taglio

Inizialmente la pizza al taglio esisteva soltanto in due varianti, bianca o rossa, solo successivamente si cominciò ad aggiungere la mozzarella. Consigli su abbinamenti pizza al taglio? Ne abbiamo quanti ne volete!

I nostri preferiti sono: patate e cipolle, quattro formaggi, mozzarella fior di latte con fiori di zucca e acciughe. Ma sono uno più gustoso dell’altro!

Pizza al taglio fatta in casa

Pizza al taglio fatta in casa? Con la nostra ricetta è un sogno che diventa realtà! L’importante è preparare la biga 24 ore prima. E largo alla fantasia nel creare abbinamenti più particolari perché sono tutti buonissimi.